L’abitudine al fumo è associata ad un aumentato del rischio di demenza

Zhong G, et al. – In merito all'associazione tra l'abitudine al fumo e la demenza dovuta a tutte le cause e alla demenza multinfartuale (MID), studi precedenti hanno mostrato risultati contrastanti, i quali, sono inoltre dovuti a un numero limitato di studi e caratterizzati da un'inspiegabile eterogeneità. Questa revisione intendeva valutare il rischio di demenza dovuta a tutte le cause, di morbo di Alzheimer e di demenza multinfartuale associate all'abitudine al fumo, e identificare potenziali effetti capaci di modificare il rischio. 

È stato riscontrato un rischio più elevato di demenza per i fumatori, mentre smettere di fumare riporta le percentuali di rischio pari a quelle dei soggetti che non hanno mai fumato. L'incremento del rischio di morbo di Alzheimer dovuto al fumo è maggiormente evidente nei soggetti che non sono portatori della variante allelica ε4 dell'apolipoproteina E. Il bias di sopravvivenza e il rischio competitivo riducono il rischio di demenza dovuto al fumare in età avanzata.